Il brivido del “top”

Noi ci vergogniamo un po’ a chiamarlo ping pong. Loro, che sono i maestri, invece lo conoscono solo così. In Cina pronunciano con la “o” che si apre quasi in una “a” e la g” alla fine non si sente più: ping pan. Così il nostro punto d’incontro tra uomini e racchette, luogo dove raccontare […]

Continue Reading ...